Tossicodipendenti e carcere

Franco Corleone on mar 10th 2011 09:02 am

TOSSICODIPENDENTI E CARCERE
Seminario organizzato dall’Associazione La Società della Ragione
in collaborazione con Forum Droghe, Fondazione Michelucci, Cnca Toscana,
Magistratura Democratica, Camera Penale di Firenze, Antigone, Cgil, Coordinamento nazionale dei Garanti territoriali per i dei diritti dei detenuti

Centro Studi Cisl, Via della Piazzola, 71 – Firenze – 25/26 marzo
Posti limitati. E’ necessaria la prenotazione (vedi sotto)

Con la legge antidroga del 2006, il canale “speciale”per l’affidamento in prova a fine terapeutico dei tossicodipendenti è stato modificato, da un lato ampliandolo con l’innalzamento del tetto di pena, dall’altro limitandolo con l’introduzione di nuovi vincoli, quali ad esempio  quelli sulla recidiva. Tutto ciò, insieme al drastico innalzamento delle pene previste nel nuovo testo, ha portato ad un aumento della persone tossicodipendenti in carcere e ad una caduta delle misure alternative terapeutiche, come dimostrano i dati (sia nazionali che toscani) della recente ricerca condotta da Forum droghe e Fondazione Michelucci e finanziata dalla Regione Toscana e pubblicata nel volume La lotta alla droga. I danni collaterali. Oggi più che mai si può dire che l’emergenza sovraffollamento del carcere proviene essenzialmente dall’applicazione della legge antidroga.
Per questa ragione, da tempo un cartello di associazioni ha lanciato un appello rivolto ai governi regionali e nazionale per rilanciare le alternative terapeutiche, impegnandosi nella stesura di progetti operativi che vedono coinvolte in prima linea le strutture terapeutiche del Cnca.

Il seminario, rivolto principalmente al quadro dirigente delle associazioni ed enti ausiliari e ai dirigenti dei servizi pubblici, si propone come momento di riflessione e aggiornamento sull’intera materia, particolarmente intricata per il    continuo
sovrapporsi di nuove norme ( ad esempio va esaminata la modalità di applicazione del comma sette dell’art. 1 della Legge Alfano sulla detenzione domiciliare per le pene sotto i 12 mesi che per i tossicodipendenti fa riferimento a un programma di recupero diverso dall’art. 94 del Dpr 309 del 1990). L’incontro offrirà inoltre la possibilità di valutare i risultati dei rapporti intercorsi fra le associazioni proponenti l’appello e le istituzioni regionali ( e il governo) e rimettere a punto l’ iniziativa.

Bozza di programma

Venerdì
Ore 13,30 Introduzione Maria Stagnitta, (vicepresidente Forum Droghe)
Ore 14,00 Illustrazione dell’Appello “Le carceri scoppiano, Liberiamo i tossicodipendenti”: Franco Corleone
Ore 14,30 Illustrazione della Proposta operativa presentata al Dipartimento Politiche Antidroga:  Cecco Bellosi (Comunità Il Gabbiano – Como)

Ore 15 – 17
Primo Workshop
L’applicazione della legge antidroga e le misure alternative
Coordina Sandro Margara
Interventi di: Patrizio Gonnella, Gianfranco Politi, Susanna Falchini, Antonietta Fiorillo

Ore 17.30 – 19.30
Secondo Workshop
I programmi alternativi al carcere: problematiche e modelli operativi
Coordina Fabrizio Mariani
Interventi di: Antonio Lucchesi, Giovanni Manfredini, Henri Margaron, Umberto Paioletti, Stefano Regio, Fabio Scaltritti
Parteciperanno i rappresentanti delle comunità e dei servizi che accolgono utenti in misure alternative

Sabato 26
Ore 9
Restituzione lavori
Riccardo De Facci
Ore  9.30
Dibattito coordinato da Leopoldo Grosso (Gruppo Abele -Torino)
Ore 11.30
Illustrazione del percorso della Regione Toscana
Arcangelo Alfano, Lorenzo Roti, Paola Trotta
Ore 12.30
Conclusioni
Assessore alla Salute Daniela Scaramuccia

Sono stati invitati per la partecipazione alla discussione: Anna Addazi, Stefano Anastasia, Hassan Bassi, Gianluca Borghi, Giuseppe Bortone, Francesco Ceraudo, Maurizio Coletti,  Iole Ghibaudi, Angela Guidi, Franco Maisto,  Michele Passione, Achille Saletti, Alessio Scandurra, Massimo Urzi, Beppe Vaccari, Stefano Vecchio, Alberto Zanobini, Grazia Zuffa

ATTENZIONE: vista la limitata disponibilità di posti siete pregati di prenotarvi al numero 055-2769137 fax: 055 2769130

Filed in carcere e giustizia,garante dei diritti dei detenuti | Commenti disabilitati

Il dies irae è vicino

Franco Corleone on mag 12th 2010 09:14 am

Il disegno di legge Alfano sulla detenzione domiciliare per scontare l’ultimo anno di pena era una schifezza, ora dopo gli emendamenti è una provocazione.

La proposta di Alfano si è rivelata una mistificazione, resa evidente dalla protervia demagogica di Maroni.

Anche l’opposizione non è innocente, distinta tra la latitanza, l’inconsistenza e il giustizialismo.

Come Cartello delle associazioni che si occupano del carcere e delle droghe abbiamo proposto a Giovanardi e al Parlamento una proposta seria e praticabile per far uscire subito dalle galere migliaia di tossicodipendenti ingiustamente detenuti e di rilanciare le misure alternative. Era un’occasione per trasformare la proposta Alfano in una riforma sotto il segno dell’umanità e della giustizia.

La risposta è un nulla disarmante: assistiamo a una penosa farsa.

Consigliamo a questo ceto politico scadente, per carità di patria, di lasciar perdere. Il tempo del dies irae si avvicina.

Franco Corleone

Filed in carcere e giustizia,politica sulle sostanze | Commenti disabilitati

Alfano: un ministro per sbaglio

Franco Corleone on mag 9th 2010 11:35 am

La commedia del decreto legge sulla detenzione domiciliare per scontare l’ultimo anno di pena è finita in una penosa farsa.

La proposta di Alfano era un vero pasticcio, scritto male, fatto apposta per essere ridicolizzato da Sandro Margara e poi per essere giudicato impraticabile dai magistrati di sorveglianza. Così è stato facile per il ministro Maroni chiudere la porta senza appello alla mistificazione di Alfano.

Il povero Angelino, abbandonato anche da Berlusconi, è tornato a parlare di edilizia e di nuovi posti nelle galere.

Non capisce che il nodo vero è la presenza di troppi detenuti. Soprattutto sarebbe il momento di far uscire subito migliaia di tossicodipendenti e di rilanciare le misure alternative. Incredibilmente comincia a capirlo Giovanardi, l’autore della legge più punitiva e proibizionista d’Europa.

La riforma è possibile. Abbiamo lanciato la sfida al Parlamento con una proposta forte e praticabile. Saremo in campo con intransigenza.

Filed in carcere,politica sulle sostanze | Commenti disabilitati

La legge sulle droghe e le carceri che scoppiano

Franco Corleone on dic 1st 2009 04:27 pm

La legge sulle droghe e le carceri che scoppiano. Le cause, i numeri, i paradossi di una crisi annunciata. Le ragionevoli proposte per uscirne. Dal blog di Fuoriluogo.it vi segnalo la registrazione video a cura di Radio Radicale della conferenza stampa di Torino, 30 novembre 2009.
Sono intervenuti alla conferenza stampa: Franco Corleone (Società della Ragione, già sottosegretario alla Giustizia), Alessio Scadurra (Antigone, curatore del Libro Bianco sulla Fini Giovanardi), Grazia Zuffa (Curatrice della ricerca condotta in Toscana), Cecco Bellosi (CNCA), Bruno Mellano (Presidente Radicali Italiani, Associazione radicale Adelaide Aglietta). Coordina Susanna Ronconi, Forum Droghe – COBS

Filed in carcere e giustizia,politica sulle sostanze | Commenti disabilitati

La legge antidroga e il carcere: il caso Toscana

Franco Corleone on ott 27th 2009 04:31 pm

Immagine 2Forum Droghe
Fondazione Michelucci

La legge antidroga e il carcere: il caso Toscana
Presentazione della ricerca commissionata dalla Regione sull’impatto penale e sanzionatorio della normativa

Consiglio Regionale della Toscana
Martedì 17 novembre 2009, ore 10,00 – 13,00 Sala Gigli, Via Cavour 4, Firenze

Presentazione di Sandro Margara – Presidente Fondazione Michelucci
Illustrazione dei risultati della ricerca: Alessio Scandurra e Massimo Urzi

Contributi di:
Patrizia Meringolo – Professore Ordinario di Psicologia Università di Firenze
Patrizio Nocentini – Dirigente Responsabile del Settore Integrazione Socio Sanitaria
Grazia Zuffa –Comitato Scientifico Forum Droghe, Direttrice di Fuori Luogo
Enrico Rossi – Assessore alla Sanità della Regione Toscana

Interventi programmati:
Beniamino Deidda – Procuratore Generale della Repubblica di Firenze
Henri Margaron – Responsabile Sert Livorno
Elisabetta Masini – NOT Nucleo Operativo Tossicodipendenze Prefettura di Firenze
Arcangelo Alfano – Responsabile di Prevenzione e Cura delle condotte di abuso e delle dipendenze
Pierluciano Mennonna – SILP CGIL Firenze
Riccardo De Facci – Responsabile Nazionale Tossicodipendenze
Antonio Lucchesi – Responsabile Settore Dipendenze C.N.C.A. Toscana
Michele Passione – Avvocato
Valentina Orvieto – Avvocato
Maria Stagnitta – Associazione Insieme
Massimo Niro – Giudice di Sorveglianza del Tribunale di Firenze
Mariella Orsi – Responsabile Cesda
Mariagrazia Di Bello – Dirigente Sert Penitenziario di Sollicciano
Susanna Falchini – Responsabile UFM Sert Firenze 2 Asl
Paola Trotta – Direttrice Dipartimento Dipendenze Asl Firenze
Gianfranco Politi – Responsabile Area Educativa Sollicciano
Fabio Roggiolani – Presidente Commissione Sanità Regione Toscana
Anna Maria Celesti – Vice Presidente Commissione Sanità Regione Toscana
Severino Saccardi – Consigliere Regionale Toscana
Enzo Brogi – Consigliere Regione Toscana
Alessia Petraglia – Consigliere Regione Toscana
Monica Sgherri – Consigliere Regione Toscana

Conclude:
Franco Corleone, Garante dei diritti dei detenuti del Comune di Firenze

Filed in carcere e giustizia,garante dei diritti dei detenuti,politica sulle sostanze | Commenti disabilitati

Ecco i veri effetti della legge Fini-Giovanardi

Franco Corleone on mar 15th 2009 07:46 pm

Le associazioni Antigone, Forum Droghe e La società della Ragione hanno presentato in occasione della Conferenza nazionale sulle tossicodipendenze a Trieste il “Libro bianco sulla Fini Giovanardi” (l. 49/2006). Nel rapporto sono illustrati e commentati i dati sulle conseguenze penali e sulle sanzioni amministrative della legge.

TRE ANNI DI APPLICAZIONE DELLA LEGGE 49/2006 SULLE DROGHE
LIBRO BIANCO SULLA FINI-GIOVANARDI
Presentazione (dal blog di fuoriluogo.it)
Scarica il libro in formato pdf (252kb dal sito di fuoriluogo.it)

Filed in carcere e giustizia,politica sulle sostanze | Commenti disabilitati