Biografia

Franco Corleone on ott 28th 2007 06:55 pm

Franco Corleone è nato a Milano il 29.9.1946 e risiede a Firenze.

Laureato in Scienze Politiche all’Università Statale di Milano.
E’ stato deputato nell’VIII e nella IX legislatura, membro della Commissione Giustizia si è impegnato nel dibattito per l’approvazione della Legge Gozzini e per la legge sulla dissociazione.

Nella X legislatura è stato senatore e componente della Commissione Giustizia; fra le tante iniziative è da segnalare la promozione di una indagine conoscitiva sulle cosiddette “carceri d’oro” e il ruolo di relatore di minoranza per la legge sulle droghe (162, 1990). E’ stato membro della Commissione Antimafia. E’ stato per alcuni mesi, nel 1989, parlamentare europeo, carica da cui si è dimesso. Deputato nella XII legislatura, componente della Commissione Affari Costituzionali.

Deputato nella XIII legislatura, è stato sottosegretario alla Giustizia dal 1996 al 2001 con i ministri Flick, Diliberto e Fassino con la delega alla giustizia minorile e al carcere. In questo ruolo ha dato impulso alla definizione e alla approvazione del Nuovo Regolamento di esecuzione delle pene elaborato dal Direttore del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Sandro Margara.

Come rappresentante del Governo ha seguito l’iter parlamentare di molte leggi sul carcere e meritano di essere ricordate quella sull’incompatibilità della detenzione per i malati di Aids, quella sulle detenute madri, la legge Smuraglia sul lavoro dei detenuti, la legge Simeone-Saraceni, la legge sulla sanità penitenziaria.

Ha coordinato gruppi di lavoro per progetti di riforma della legge sulle droghe e sugli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Si è battuto per affermare il diritto all’affettività in carcere attraverso una sperimentazione in alcuni istituti, ma un parere del Consiglio di Stato ne ha impedito l’avvio.
Attualmente è segretario dell’Associazione Forum Droghe.

Ha scritto numerosi saggi e articoli sui temi della giustizia e dei diritti. Fra i volumi pubblicati, citiamo: Giustizia senza fine (1998, Stampa Alternativa) e La Giustizia come metafora (2002, Edizioni Menabò). Ha curato l’edizione del volume Lo Stato moderno (1989, Passigli Editori).

Comments (2)

2 Responses to “Biografia”

  1. gelsomina ciarellion 10 feb 2009 at 16:38

    gentilissimo dr. corleone,
    la volevamo contattare come psicologi penitenziari perchè il PRAP ha tagliato sul servizio psicologico, azzerandolo.
    La preghiamo di risponderci se pensa di poterci aiutare su una moblitazione, proprio per il bene dei detenuti, valutando anche il forte disagio nel quale versano i poveri detenuti nelle carcerei italiane e toscana sovraffollate sino all’inverosimile.
    Cordiali saluti
    Gelsomina Ciarelli
    349/3419481

  2. marco rossion 12 feb 2009 at 15:19

    In vista del prossimo incontro di Trieste invio l’abstract del mio articolo (gia’ pubblicato su Dolce Vita, maggio 2008, presentato a Radio Onda Rossa, ed in attesa di referaggio presso riviste scientifiche). Offro,inoltre, la mia disponibilita’ ad interventi e presentazioni.
    Marco Rossi
    Ricercatore di Economia Politica
    Universita’ degli Studi di Roma La Sapienza

    Il costo fiscale del proibizionismo in Italia: una stima del mercato delle droghe.
    Versione IT.04
    Marco Rossi

    Abstract
    Recenti contributi teorici sostengono la superiorità degli strumenti fiscali nel contenere il consumo di droghe rispetto all’applicazione di una normativa proibizionista. In Italia il consumo di tabacchi ed alcolici è appunto scoraggiato tramite l’imposizione di una elevata tassazione. Questo lavoro stima quale sarebbe stata l’implicazione fiscale per l’erario nazionale se nel periodo 2000-05 il mercato delle droghe fosse stato regolato come quello dei tabacchi. Le nostre stime suggeriscono un beneficio fiscale annuale di quasi 10 miliardi euro (quasi 60 in totale). In particolare, l’erario risparmierebbe circa 2 miliardi all’anno di spese per l’applicazione della normativa proibizionista (polizia, magistratura, carceri), ed incasserebbe circa 8 miliardi all’anno dalle imposte sulle vendite (5,5 dalla sola cannabis).

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply