Garanti. Reclamo al Magistrato di sorveglianza per denunciare le condizioni di detenzione

Franco Corleone on mag 25th 2010 07:49 am

Il Coordinamento dei Garanti, di fronte all’impotenza delle forze politiche ad affrontare il dramma attuale del carcere, ha predisposto il testo di un reclamo da presentare al magistrato di Sorveglianza, per richiedere l’adozione di misure necessarie per adeguare le condizioni di detenzione al rispetto degli standard minimi di vivibilità. Il reclamo, che potrà essere completato da ogni persona detenuta a seconda della particolare condizione carceraria in cui si trova, sarà oggetto di capillare distribuzione e pubblicità. Alla stesura del reclamo, che vuole essere utile strumento anche ai fini della percorribilità del ricorso alla Corte europea, e che sollecita la magistratura di Sorveglianza ad assumere il tema della lesione dei diritti dei detenuti, come previsto dall’art. 69 O.P., nonché ad applicare con determinazione laddove possibile le misure alternative al carcere, ha contribuito Alessandro Margara, al quale va il ringraziamento dei Garanti.

I Garanti hanno espresso grande preoccupazione per l’avvicinarsi della stagione estiva, periodo del quale probabilmente si arriverà alla quota record di 70.000 detenuti presenti e la vivibilità nelle carceri sarà completamente cancellata violando l’art. 27 della Costituzione.

Il Parlamento si appresta ad approvare una legge sulla detenzione domiciliare, inutile ancorchè dannosa. Ho già sostenuto che siamo di fronte ad una vera provocazione.

Governo, maggioranza ed opposizione si rifiutano di prendere atto che il sovraffollamento nelle carceri è dovuto alla presenza di oltre il  33% di tossicodipendenti e che  se si calcolano i detenuti reclusi per violazione della legge sulle droghe (per detenzione o piccolo spaccio) si supera il tetto del 50% della detenzione a causa della legge punitiva e proibizionista sugli stupefacenti:

E’ stato predisposto un pacchettto di emendamenti per eliminare le storture più gravi della legge Fini Giovanardi e della legge Cirielli che impediscono di concedere l’affidamento terapeutico ai detenuti tossicodipendenti, ma non è stato preso in alcuna considerazione.

Occorre una svolta per liberare il carcere dalla presenza di soggetti deboli, di immigrati, di poveri, di emarginati.

Domani comincerò la consegna ai detenuti di Sollicciano del reclamo perché sia affermata la cultura dei diritti anche da parte degli “ultimi”.

Scarica il modulo: Reclamo_sito.

Filed in carcere,garante dei diritti dei detenuti | Comments (0)

Comments are closed.