Archive for settembre, 2008

Braccialetto elettronico: una misura inutile e costosa

Franco Corleone on set 8th 2008 09:41 am

Questa la mia intervista da Repubblica.it di ieri.

L’ex sottosegretario alla Giustizia si era già occupato del bracciale elettronico quando sedeva in via Arenula. “Alibi per non risolvere il problema”
Corleone, garante dei detenuti: “Misura inutile e costosa”
“I 110 milioni di costi annuali vanno utilizzati per creare alternative sociali fuori dal carcere”di CLAUDIA FUSANI

ROMA – Il braccialetto elettronico come soluzione per alleggerire il peso della sovraffollamento carcerario è questione che si affaccia spesso nel dibattito politico sulla sicurezza. Se ne sono occupati governi di destra e di sinistra. E per quanto la tecnologia si perfezioni via via negli anni, il controllo elettronico a distanza del detenuto è soluzione giudicata “inutile”, “impraticabile” e “costosa”. Lo dice Franco Corleone, ex sottosegretario alla Giustizia tra il 1996 e il 2001 e ora Garante dei detenuti in Toscana. “Siamo da capo a dodici”, celia Corleone riferendosi al fatto che “ogni tanto spunta l’ipotesi del braccialetto, questa volta addirittura nella forma di un piano sembra di capire quasi esecutivo, ma il governo sta ritirando fuori un’ipotesi di cui già quando ero in via Arenula era stata valutata l’inutilità, l’impraticabilità nonché i costi eccessivi”.

Perché la considera una misura inutile?
“Perché il braccialetto è un alibi per non risolvere il vero problema che è quello di trovare un modo per reinserire i detenuti con meno di tre anni di pena da scontare che possono lasciare il carcere”.

Il piano Alfano-Ionta prevede il braccialetto per 4.100 detenuti, coloro che hanno meno di due anni da scontare e per reati che non creano allarme sociale.
“Per questi detenuti esistono già le misure alternative, cioè la semilibertà e l’affidamento in prova ai servizi sociali. Solo che i Tribunali di sorveglianza non le applicano perché i detenuti in questione non hanno residenza e non hanno un lavoro, che sono i requisiti base per accedere alle misure alternative”.

Appunto, il braccialetto consente comunque a queste persone di uscire…
“Ma se non hanno un lavoro e una casa, se non hanno un percorso sociale che li accoglie una volta fuori, cosa crediamo che possano fare queste persone? Avremo evasioni e recidivi. Il braccialetto è una bufala”.

Quale soluzione, allora?
“Creare percorsi di inserimento sociale, lavori socialmente utili, questa è la vera sfida”.

Lei dice che il piano è inapplicabile anche per i costi.
“Attualmente sono 400 i braccialetti in sperimentazione dal 2003, per lo Stato equivale a un costo di 11 milioni all’anno. Significa che per quattromila detenuti spenderemo 110 milioni”.

Molto meno della spesa attuale visto che ogni detenuto costa in media 250 euro al giorno.
“Sì, ma si deve sapere che questa cifra – i 110 milioni – una volta fatto l’appalto devono essere comunque pagati anche se non vengono utilizzati tutti i quattromila bracciali elettronici. Questi soldi potrebbero essere spesi per creare percorsi protetti di reinserimento sociale”.

Un piano tutto da buttare?
“No. I bracciali potrebbero ad esempio essere usati per le migliaia di detenuti in carcere in attesa di giudizio e di condanna definitiva. Ma su questo punto ricordo che a suo tempo polizia e carabinieri non erano affatto d’accordo”.

E sui 3.300 detenuti stranieri da espellere?
“E’ una norma già prevista sotto i due anni di pena. ma non riesce a decollare. Ci sono problemi giuridici. Il principale è che i paesi di origine non accettano indietro i propri detenuti. Ma se lo dovessero fare, chiederanno a noi i soldi del mantenimento? Piuttosto, perchè non studiare forme di impiego di mano d’opera di questi detenuti stranieri in imprese italiane che lavorano all’estero?”.

Filed in carcere,carcere e giustizia | Comments (1)

War on Drugs

Franco Corleone on set 2nd 2008 07:52 am

Dal Blog della Drug Policy alliance, via fioreblog.

Filed in politica sulle sostanze | Commenti disabilitati